SINFONIE D’OPERA

Parco Villa Olmo

Musiche di G. Donizetti, A. Ponchielli, G. Rossini, G. Verdi  

Direttore Francesco Pasqualetti

Orchestra del Teatro Regio di Torino Sinfonie, toccate, ouverture, preludi… dalla notte dei tempi la musica ha bisogno di quel ‘momento’, per raccogliere le energie emotive, instaurare il silenzio, suscitare la curiosità per ciò che sta per succedere, abbandonando la propria routine fuori dal teatro o dalla sala dei concerti, spogliandosi delle preoccupazioni e delle ansie quotidiane. Tanto più nell’opera… che siano storie cupe dalle tinte drammatiche o intrecci rocamboleschi dal sapore comico, la Sinfonia racchiude in nuce le celebri melodie delle sfortunate eroine, le gesta dei prodi guerrieri, anticipa e condensa le atmosfere degli atti successivi. Un hors d’oeuvre di quel che seguirà, ma anche una perfetta sintesi musicale, al punto da diventare – nella storia della tradizione esecutiva otto- e novecentesca – un oggetto a sé, godibile nella sua autonomia. Così, la prestigiosa Orchestra del Teatro Regio di Torino ha confezionato un programma interamente dedicato alle sinfonie dei più celebri melodrammi italiani. Da Vespri e Nabucco a Macbeth e Traviata, da Barbiere e Gazza Ladra a Don Pasquale, passando per la celebre Danza delle ore (unica composizione italiana inserita da Walt Disney nell’ intramontabile Fantasia). Sul podio il Maestro Francesco Pasqualetti, che – nonostante la giovane età – vanta numerosi concerti in Italia e all’estero con celebri orchestra, tra cui il suo recente debutto con la BBC Philharmonic di Manchester e la London Symphony Orchestra. Il pubblico comasco lo ha già apprezzato per l’energica direzione del Nabucco, nell’ambito del progetto Opera domani, in tournée in questi mesi con oltre cento recite.

Francesco Pasqualetti
Studia direzione d’orchestra alla Royal Academy of Music di Londra con Sir Colin Davis e Colin Metters e all’Accademia Musicale Chigiana con Gianluigi Gelmetti. La Royal Academy lo seleziona come destinatario della Gordon Foundation Scholarship e dell’Henry Wood Prize, e più volte gli affida la preparazione della Academy Symphony Orchestra per i direttori ospiti tra cui Mark Elder, Sir Colin Davis, Jean Pascal Tortelier, Leon Fleisher, George Hurst e Mark Shannahan. I suoi precedenti studi musicali includono il diploma in pianoforte al Conservatorio di Lucca e composizione e direzione d’orchestra a Firenze. Si laurea inoltre con lode in Filosofia presso l’Università degli Studi di Pisa. Recentissimo il debutto con la BBC Philharmonic di Manchester, con la quale ha eseguito la Sinfonia n. 2 di Rachmaninov nel nuovo BBC studio di MediaCity in un concerto riservato ai Friends of BBC Philharmonic. Nel 2009 Sir Colin Davis lo invita sul podio della London Symphony Orchestra, con la quale esegue la Sinfonia n. 3 di Brahms nell’ambito del LSO Discovery Scheme. Grazie a questa esperienza, il Maestro Trevor Pinnock l’ha voluto come suo assistente presso la Royal Academy Opera di Londra. Il 2009 ha visto anche il suo debutto con l’Orchestra “I Virtuosi del Teatro alla Scala”, in un concerto realizzato al Teatro Verdi di Pisa. Ha più volte diretto la Royal Northern College of Music Symphony Orchestra di Manchester a Montepulciano nell’ambito del Cantiere Internazionale e per Stresa Festival. Con la stessa orchestra ha realizzato anche una nuova produzione di Un Giorno di Regno di Verdi per il Cantiere 2010. Ha eseguito numerosi concerti alla guida dell’Orchestra Regionale Toscana, collaborando con molti solisti di fama internazionale tra i quali Boris Belkin e Francesca Dego. Ha ricoperto il ruolo di Assistente presso il Teatro dell’Opera di Roma, presso la Sydney Symphony Orchestra, e presso l’Opéra di Monte Carlo per molte delle produzioni operistiche e sinfoniche del Maestro Gianluigi Gelmetti degli ultimi anni, tra cui Traviata, Cosi fan tutte, Nozze di Figaro e Olandese Volante. Il Maestro ha voluto premiare il suo lavoro affidandogli la direzione di Cavalleria Rusticana e Gianni Schicchi nell’ambito della 76esima Estate Musicale Chigiana e conferendogli il “Diploma d’Onore” dell’Accademia Chigiana. È stato inoltre assistente del Maestro Noseda alla BBC Philharmonic di Manchester e presso lo Stresa Festival. Nel gennaio 2002 fonda l’Orchestra dell’Università di Pisa di cui è stato per sette anni Direttore Artistico e Musicale, e di cui segue tutt’ora i lavori nel ruolo di Presidente dell’Associazione OGU. Tra le orchestre da lui dirette figurano anche l’Orchestra Sinfonica Nazionale Gral S. Martìn a Buenos Aires, la Festival Orchestra di Sofia (Bulgaria), la Goettingen Philarmonie (Germania), l’Orchestra Sinfonica Nazionale di Antalya (Turchia) e la Royal Academy of Music Symphony Orchestra (Inghilterra). I suoi prossimi impegni includono oltre a concerti sinfonici in Italia e in Inghilterra, la nuova produzione di Nabucco per il Teatro di Como. Lo spettacolo, inserito nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia andrà poi in Tour in oltre 20 Teatri del Nord Italia, tra cui Regio di Torino, Comunale di Bologna e Arcimboldi di Milano.

Orchestra del Teatro Regio
Erede del complesso fondato alla fine dell’Ottocento da Arturo Toscanini, sotto la cui direzione vennero eseguite molte storiche produzioni operistiche, l’Orchestra non ha mai interrotto la sua attività tranne che durante i due conflitti mondiali, dimostrando una spiccata duttilità nell’affrontare il grande repertorio così come molti titoli del Novecento. Dal 1967 è l’Orchestra stabile della Fondazione lirica torinese, impegnata in tutta la Stagione d’Opera e in diversi concerti lirico-sinfonici all’anno. Tra gli spettacoli di gran successo dei quali è stata protagonista si ricordano La Damnation de Faust di Berlioz (regia di Luca Ronconi), insignito nel 1992 del premio “Franco Abbiati”, La bohème di Puccini realizzata nel 1996 con Luciano Pavarotti e Mirella Freni, Fedora di Giordano con Mirella Freni e Plácido Domingo. Nel 2001 ha inoltre eseguito in prima assoluta Carmen 2, Le retour di Jérôme Savary e in prima italiana Lear di Aribert Reimann; nel 2003, ha eseguito A Streetcar Named Desire di André Previn. L’Orchestra si è esibita con i solisti più celebri e alla guida del complesso si sono alternati direttori di fama internazionale come Roberto Abbado, Ahronovič, Bartoletti, Bychkov, Campanella, Gelmetti, Maag, Oren, Pidò, Steinberg, Tate e infine Gianandrea Noseda, che dal 2007 ricopre il ruolo di Direttore musicale del Teatro Regio. Ha inoltre accompagnato grandi compagnie di balletto, tra le quali indimenticabili rimangono quella del Teatro Bol’šoj di Mosca e il Balletto Kirov del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo. Ospite di vari festival e teatri stranieri, nel 2000 ha portato a Nizza Sly di Wolf-Ferrari con José Carreras all’Acropolis e Zazà con Leo Nucci all’Opéra; nel 2001 ha tenuto una grande tournée sinfonica in Francia; nel 2008 è stata ospitata all’Internationale Maifestspiele di Wiesbaden per la rappresentazione di Rigoletto sotto la direzione di Gianandrea Noseda, con una tournée in Giappone e in Cina nel 2010. Accanto a diverse incisioni storiche ripubblicate da Hardy Classic, l’Orchestra e il Coro del Teatro figurano nei video di alcune interessanti produzioni delle ultime stagioni del Regio: Medea di Cherubini diretta da Evelino Pidò (Hardy Classic/Rai Trade), Edgar di Puccini nella prima esecuzione contemporanea della versione originale in quattro atti diretta da Yoram David e Thaïs di Massenet diretta da Gianandrea Noseda nell’allestimento di Stefano Poda (ArtHaus/Rai Trade), cui seguiranno Adriana Lecouvreur e Aci, Galatea e Polifemo (Dynamic).