Arena del Teatro Sociale

Via Bellini

L’Arena del Teatro Sociale fu utilizzata per spettacoli e cinema all’aperto fino agli anni Sessanta, quando chiuse per diventare un parcheggio.

In vista del bicentenario del Teatro nel 2013, nel 2010 sono iniziati i lavori di restauro e recupero dell’area, della facciata sud e del retropalco. Dietro il palcoscenico infatti, dietro l’area adibita a passaggio e magazzino, c’era la “torre scenica”, realizzata negli Anni 30 dall’Ing. Carlo Poncia, per ospitare gli spettacoli all’aperto dello spazio Arena (capace di contenere fino a 4000 posti), e divenuta, a seguito di disuso ed incuria, un rudere.

Con l’abbattimento della torre, oggi possiamo ammirare in tutto il suo recuperato originario splendore la facciata posteriore, progettata e realizzata dall’Architetto Luigi Canonica, a cui è stata dedicata la  Sala Canonica.

 

Teatro Sociale di Como

Piazza Verdi

Il Teatro Sociale è nato nell’anno in cui sono nati Giuseppe Verdi e Richard Wagner (1813). Nel 1811 cominciarono i lavori di costruzione del teatro ed il progetto fu affidato all’architetto Giuseppe Cusi che collaborò con l’architetto Canonica alla costruzione del Teatro Carcano. La sera del 28 agosto 1813 si alzò per la prima volta il sipario del Teatro Sociale di Como: in scena Adriano in Siria di Antonio Fonseca Portugal e I Pretendenti delusi di Giuseppe Mosca. Negli anni successivi furono numerosi gli interventi di restauro e di ammodernamento (elettricità, gas), nonché di ampliamento con l’aggiunta di 38 palchi e la costruzione del quinto ordine. L’attuale dipinto della volta del soffitto, che rappresenta le muse che scendono dall’Olimpo ad incoronare gli artisti, è opera di Eleuterio Pagliano su progetto di Gaetano Spelluzzi, eseguito durante i restauri del 1855. La sala ha attualmente la forma di cassa di violoncello e le murate hanno una struttura in legno con 5 ordini di posti di cui: 3 ordini per i 72 palchi di proprietà privata, oltre al palco reale, e 2 ordini per le gallerie (IV e V ordine). Con un accordo di programma sottoscritto nel 2005 da Società dei Palchettisti, As.Li.Co., Regione Lombardia, Comune e Provincia di Como, il Teatro è stato nuovamente sottoposto a accurati lavori di restauro, che hanno interessato gli stucchi, la volta, il palcoscenico e, di recente, la sostituzione completa delle poltrone della platea.

 

Villa del Grumello

Via Cernobbio, 11

La Villa del Grumello, in origine denominata ‘Castellazzo’, si affaccia con il suo parco sul primo bacino del lago di Como, sulla via per Cernobbio. Incorniciata da piante secolari, incanta per le sue delicate atmosfere e per l’armonia dell’insieme. Risalente al XV secolo, fu prima di proprietà della famiglia Odescalchi, poi dei Giovio (1775) ed infine della famiglia Celesta (1846). Nel 1791 le facciate furono restaurate da Simone Cantoni. Nelle sue stanze affrescate sono stati ospitati illustri personaggi, tra cui Giordani, Monti, Volta e Foscolo (la cui presenza è ricordata, nel giardino, da un suo busto). Nel 1954 la proprietà è passata all’Ospedale S. Anna di Como, per volere della contessa Giulia Celesia Cays. La Villa del Grumello, ristrutturata dall’Associazione omonima – costituita dall’Azienda Ospedaliera S. Anna, dalla Camera di Commercio di Como e dall’Associazione Univercomo – è ritornata all’antico splendore e si presta oggi quale prestigiosa sede per convegni, corsi e meeting aziendali, oltre che per servizi fotografici e pubblicitari, per sfilate di moda ed eventi d’arte.

 

Hangar – Aero Club Como

Piazzale Somaini, Como

L’Idroscalo Internazionale di Como è un impianto per l’ammaraggio ed il decollo di idrovolanti situato sul lago di Como. La struttura è gestita dall’Aero Club Como, fondato nel 1930 e intitolato a Giuseppe Ghislanzoni. Attualmente è l’unico idroscalo operativo in Italia.

Oggi l’Aero Club Como continua a gestire quello che allora era il “Regio Aeroporto Giuseppe Ghislanzoni” ed ora è l’Idroscalo Internazionale di Como, riconosciuto come ATZ, ovvero Zona di Traffico Aeroportuale: un vero e proprio aeroporto internazionale su acqua, unico in Europa. L’Aero Club, come gestore aeroportuale, dipende dal Ministero dei Trasporti ed è controllato dalla Direzione Aeroportuale di Malpensa. Gestisce funzioni non solo di aeroporto civile, dotato di servizio antincendio, ma anche di protezione civile, controlli ed esazioni doganali, tutela del territorio. Come tutti gli edifici della “cittadella dello sport”, il complesso dell’Hangar è tutelato dalla Soprintendenza per i beni architettonici e paesistici.

L’Aero Club Como vanta la presenza nel proprio hangar del più antico idrovolante ancora volante del Mondo: il Caproni Ca.100 I-ABOU del 1935. Questo aeroplano è privato, quindi non può essere utilizzato da altri piloti al di fuori del proprietario. Altro vanto dell’Aero Club è il cosiddetto “Idroscivolante”, un’imbarcazione sportiva con motore Alfa Romeo vincitrice di molti premi nautici.

 

Monumento ai caduti

Via Giancarlo Puecher

Fu progettato nel 1933 dai fratelli Giuseppe e Attilio Terragni su ispirazione di uno schizzo della Torre-faro dell’architetto futurista comasco Antonio Sant’Elia.

Costruzione a forma di torre, alta 33 metri, conserva nel sacrario un monolito di granito con il nome di 750 caduti comaschi nella prima e della seconda guerra mondiale. Il visitatore dopo aver salito i 140 gradini, che dalla cripta conducono all’ultima terrazza, può godere di un impareggiabile panorama sulla città.

Palazzo del Broletto

Piazza del Duomo, Como

Il palazzo, ubicato nel centro della città, rappresenta il simbolo delle istituzioni comunali in posizione strategica fra la Cattedrale e il Palazzo Vescovile. L’edificio è composto da un blocco a pianta rettangolare, sviluppato su due piani di altezza a ridosso del fianco nord della Cattedrale, e dalla torre che occupa la testata nord. Il palazzo costituisce un’interessante testimonianza dell’epoca medievale arricchita da elementi di stile gotico forse dovuti ad un successivo intervento di ricostruzione.

Parco Quarcino di Sagnino

Via Giovanni Fattori – Quarcino (Frazione di Sagnino, Com0)

Il parco Quarcino a Sagnino circonda l’antica Chiesa dei SS. Filippo e Giacomo in Quarcino. La chiesa sorse come cappella feudale per la comodità dei coloni e divenne chiesa della vicinia, e venne sottoposta alla chiesa parrocchiale di San Salvatore. La chiesa dei SS. Filippo e Giacomo era detta anche di S. Giovanni, come risulta da un documento del XIV secolo. Nel 1654 venne annessa alla chiesa di S. Zenone e non più al S. Salvatore.

Hilton Lake Como

Via Borgo Vico, 241 Como

Ubicato in un’area residenziale tra il centro di Como e il confine svizzero, l’hotel sorge a pochi passi da Villa Olmo, da parchi lussureggianti e dal lungolago. Con una breve passeggiata di 10 minuti potrai raggiungere il centro della città e prendere un traghetto per visitare tutte le famose cittadine che sorgono sulle sponde del lago di Como.

Hotel Villa Flori

Via Cernobbio 12, Como

L’albergo è situato in un’antica villa, tra le più belle del Lago di Como: costruita nell’800 dal Marchese Raimondi e già dimora ambita dalla nobiltà lombarda, nel 1958 fu trasformata in Hotel e poi completamente rinnovata nel 2011.

Villa Carlotta

Via Regina 2, Tremezzina – Loc. Tremezzo, Como

Villa Carlotta è un luogo di rara bellezza: qui capolavori della natura e dell’ingegno umano convivono armoniosamente in 70.000 mq tra giardini e strutture museali. In una conca naturale, tra lago e montagne, il marchese Giorgio Clerici fece edificare alla fine del 1600 una splendida dimora, imponente ma sobria, circondata da un giardino all’italiana, di fronte ad uno scenario mozzafiato sulle dolomitiche Grigne e Bellagio. Con Gian Battista Sommariva, il successivo proprietario, la villa toccò il sommo dello splendore, arricchendosi di opere d’arte e divenendo meta irrinunciabile per una visita sul lago di Como. Sommariva, che acquisì la proprietà agli inizi dell’Ottocento, volle che parte del giardino fosse trasformato in uno straordinario parco romantico e che la villa venisse impreziosita con capolavori di Canova, Thorvaldsen e Hayez.

Cortile Studio Petazzi

Via Volta 68, Como

Elegante corte situata all’interno di uno dei palazzi storici del centro città di Como.

 

Lipomo

Piazzetta Corte Grande, Lipomo

Piazza situata nel centro storico di Lipomo.